Civitanova Marche, il porto
UNITRE - Il Direttivo
Corsi e laboratori dell'Unitre
Corsi e laboratori dell'Unitre
Le gite
Le mostre dei lavori degli iscritti

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO DURANTE LA VITA ASSOCIATIVA

Premessa

Nella nostra Società si vanno affermando alcuni valori per assicurare la civile convivenza nella complessa trama dei rapporti umani e sociali.
Infatti la eticità dei comportamenti non è valutabile solo in termini di stretta osservanza delle norme di legge e degli statuti.
Essa si fonda sulla convinta adesione a porsi, nelle diverse situazioni, ai più elevati standard di comportamento.
Tali obiettivi possono essere raggiunti mutuando dal sistema rappresentativo le linee di indirizzo e gli strumenti da recepire nei propri statuti, adottando comportamenti conseguenti.

1. Gli associati si impegnano a tener conto, in ogni loro comportamento, delle ricadute sull’Associazione e, pertanto, si impegnano:

- ad assumere un atteggiamento equo e corretto nei confronti degli altri associati e dei vertici associativi;

- a partecipare alla vita associativa;

- a contribuire alle scelte in piena integrità ed autonomia da pressioni interne ed esterne, avendo come obiettivo prioritario l’interesse dell’Unitre;

- a rispettare le direttive che l’Associazione deve fornire e ad esprimere le posizioni personali preventivamente nelle sedi proprie di dibattito interno;
- ad informare tempestivamente l’Associazione di ogni situazione suscettibile di modificare il rapporto con i vertici o con gli altri associati, chiedendone un opportuno supporto

2. I Vertici associativi

L’elezione è subordinata alla verifica della piena rispondenza dei candidati ad una rigorosa aderenza ad ineccepibili comportamenti personali ed associativi.
I candidati si impegnano a fornire alle istanze competenti tutte le informazioni necessarie e richieste.
I nominati si impegnano a:

- assumere incarichi per spirito di servizio, senza avvalersene per vantaggi diretti o indiretti e senza compenso alcuno.
- mantenere un comportamento ispirato ad autonomia, integrità, lealtà e senso di responsabilità nei confronti degli associati e delle Istituzioni, azzerando le personali opzioni politiche nel corso dell’incarico;
- fare un uso riservato delle informazioni di cui vengono a conoscenza in virtù delle proprie cariche;
- trattare gli associati con uguale dignità, assicurando il pari trattamento nelle attività dell’Associazione ed intervenendo per riequilibrare i rapporti collettivi eventualmente compromessi da comportamenti singoli inadeguati.
- coinvolgere effettivamente gli organi decisori dell’Associazione per una gestione partecipata ed aperta alle diverse istanze;
- rimettere il proprio mandato qualora per motivi personali, professionali o oggettivi la permanenza possa essere dannosa all’immagine dell’Associazione.